Alessandro Rillo

Biografia

Nato a Torrecuso (BN) vive ed opera a Benevento.
I suoi lavori sono stati esposti in varie personali in Italia e all’estero (nel 2017 nn. 7 mostre in Lituania e 2 a Stoccarda, nella prestigiosa Wagenhalle).
Nell’ottobre 2016 è stato insignito del Primo Premio sezione scultura ed installazione e del Premio Generale della Critica alla Biennale di Salerno.

Opere

Osservando le opere di Alessandro Rillo si notano immediatamente non solo gli artisti da cui prende ispirazione (Duchamp, Burri e l’Arte Povera) ma soprattutto la matericità di alcune di esse, dovuta all’utilizzo di materiali di recupero. La necessità  di utilizzare materiali di scarto deriva non solo da uno spirito ambientalista dell’artista: è una forma di riciclo, di riuso di materiali che andrebbero comunque in discarica, ma concetto fondante le opere di   A. Rillo è che le COSE, come le persone, possano contenere differenti attitudini, differenti “personalità”. Basta solo spostarsi e cambiare il punto da cui si osservano.

Tutti i materiali che andranno a comporre le opere sono scelti casualmente;  il ferro delle vigne dismesse fa parte della storia della sua famiglia e, quindi, è un suo segno distintivo, rappresenta un tornare sempre a casa. Il ferro, ha propria vita e invecchia (arrugginisce) col tempo, e  l’opera acquista vita propria.

Non c’è la pretesa di mandare messaggi; a colui che osserva viene lasciata libera interpretazione, tuttavia, in queste opere emerge il tema della dualità ragione/sentimento che “affligge” l’uomo in ogni pensiero, in ogni decisione.

Galleria