Massimiliano Montaldi

Biografia

Nato ad Avezzano (AQ), dedica il suo percorso scolastico ed universitario a studi di carattere scientifico, scoprendo la passione per l’arte in età adulta.
Pittore autodidatta, vive e lavora in provincia dell’Aquila. Ha partecipato a numerose esposizioni d’arte, nazionali e internazionali, tra cui la Biennale d’Arte Contemporanea di Salerno, la Biennale d’Arte di Pistoia e il Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti.

Opere

La pittura di Montaldi muove i primi passi dall’acrilico:  studiando e sperimentando, Montaldi è riuscito a fare proprio il linguaggio pittorico e a utilizzarlo al meglio per esprimere tutte le sue idee. Il suo lavoro non è l’applicazione di una tecnica già acquisita, ma risulta come un percorso in cui il modus operandi si evolve continuamente in una perpetua sperimentazione su tecniche e soggetti.

L’obiettivo finale dell’artista è quello di esprimere tutto ciò che gli passa per la mente nel modo più spontaneo possibile: trovare il modo più immediato per esprimersi è per lui la cosa più complicata poiché ritiene che la vita e la realtà siano piene di preconcetti che limitano la spontaneità.  

Le sue tele sono una perfetta commistione tra la rappresentazione effettiva della realtà, che risulta troppo costrittiva, e l’astrazione, che, al contrario, diviene troppo libera e sconfinata. Montaldi prende la realtà e la rappresenta a suo piacimento anche con possibili distorsioni. Dipingendo a mano libera, ogni tela diventa un campo di battaglia in cui si incontrano diversi stati d’animo, idee, momenti di studio e di emotività, conflitti tra ossessioni di perfezionismo e pennellate disordinate, costruzione e distruzione. Questo fa si che alcuni dettagli vengano siano resi in maniera perfetta e chiara, mentre altri vengano soltanto abbozzati o accennati: la battaglia si conclude solo quando la tela riesce a trasmettere un’emozione all’artista e contemporaneamente l’artista sente di aver trasferito abbastanza emozione sulla tela stessa.

Galleria